Stampa questa pagina

Comunicato stampa

Parrocchia Santa Lucia V. e M.

P.za Felice Baldi, 18 Santa Lucia di Cava de’ Tirreni 84010 (Sa) Tel. Fax. 089/461416

E- mail SANTALUCIA@Tele2.it  sito Internet WWW.SANTALUCIADICAVA.IT

 

 

Un popolo in cammino: i numeri di un evento storico

 

Questa è l’esperienza che la Chiesa di Amalfi – Cava de’ Tirreni, guidata da mons Orazio Soricelli, farà sabato 22 novembre 2008, quando con 90 pullman e altri mezzi circa 6000 fedeli si metteranno in cammino verso Roma per partecipare all’udienza che il Santo Padre Benedetto XVI ha concesso all’arcidiocesi.

Un numero consistente di fedeli ha aderito all’invito dell’Arcivescovo, un numero così elevato non si è mai visto, una marea di persone da Positano a Cava passando per Vietri, si metterà sulla strada per raggiungere Roma.

Alcuni numeri dell’impresa storica coordinata da don Beniamino D’Arco, responsabile dell’Ufficio Pellegrinaggi dell’Arcidiocesi, coadiuvano nell’impresa da Anita Rispoli e Alfredo Bisogno.

Dalla Forania di Vietri – Cetara hanno aderito le parrocchie di Santa Maria del Grazie in Raito con 137 pellegrini, di San Giovanni Battista in Vietri sul Mare con 104, di Santa Maria di Porto salvo in Marina di Vietri con 50, di San Pietro in Cetara con 200.

Dalla Forania di Cava Centro hanno aderito le parrocchie di San Gabriele ai Pianesi con 100 pellegrini, di San Lorenzo con 60, di Santa Maria dell’Olmo con 53, San Vito M con 110, di Sant’Adiutore con 130, di Santa Maria del Rovo con 53, di San Michele Arcangelo con 53, del SS. Salvatore in Passiano con 238.

Dalla Forania di Cava Est hanno aderito le parrocchie di Sant’Anna con 60 pellegrini, della SS. Annunziata con 104, di Marini e Alessia con 53, di Dupino con 53, di Pregiato con 52, di San Pietro con 60, di San Giuseppe al Pozzo con 60, di Santa Lucia con 400.

Dalla Forania di Maiori – Minori – Tramonti hanno aderito le parrocchie di Santa Maria a Mare con 200 pellegrini, Santa Trofimena in Minori con 25, di San Felice in Pietre di Tramonti con 50, di San Giovanni in Campinola di Tramonti con 50, di Santa Maria Assunta in Cesarano di Tramonti con 60, di San Pietro Apostolo in Figline di Tramonti con 60.

Dalla Forania di Praiano – Positano – Conca hanno aderito le parrocchie di Conca dei Marini con 95 pellegrini, di Santa Maria Assunta in Positano con 150, di Santa Maria delle Grazie in Montepertuso con 60, di San Luca in Praiano con 80, di San Gennaro di Vettica con 130.

Dalla Forania di Amalfi – Ravello - Scala hanno aderito le parrocchie di Sant’Andrea Apostolo in Amalfi con 550 pellegrini, di Santa Marina in Pogerola con 70, di San Michele di Vettica con 120, di Santa Maria Assunta in Ravello con 130, di Maria SS. del Carmine in Pontone con 30.

Dalla Forania di Agerola hanno aderito le parrocchie della SS. Annunziata con 70 pellegrini, di San Matteo Apostolo con 60, di Pianillo con 52.

Inoltre hanno aderito le scuole cattoliche dell’Opera Pia Di Mauro con 52 bambini, dell’Istituto del Rosario di San Vito con 340 ragazzi e genitori, la scuola media di Agerola con 30 ragazzi, l’istituto Turistico di Amalfi con 34 giovani, la scuola dell’infanzia “R. Baldi” di Santa Lucia di Cava con 34 bambini. Inoltre parteciperanno all’udienza i Gruppi di P. Pio della città di Cava con 106 fedeli, La Nostra Famiglia di Cava con 70 tra genitori e diversamente abili, l’UNITALSI con 108 tra adulti e disabili e il Convento di San Francesco con 54 fedeli. Non è possibile contare i fedeli che hanno aderito all’invito e raggiungeranno Roma con mezzi propri si stima che potranno essere altre 500/ 600 persone.

La rappresentanza della Città di Cava è affidata al sindaco Luigi Gravagnuolo, assistito nell’organizzazione dai consiglieri Scarlino e Artemio Baldi, con oltre 20 amministratori, 80 dipendenti e 50 rappresentanti dell’associazionismo, sarà presente il gonfalone della città con i vigili in grande uniforme. Oltre al Gonfalone della città Metelliana saranno presenti i gonfaloni e i sindaci degli altri 14 comuni che compongono il territorio dell’arcidiocesi di Amalfi – Cava.

Anche l’Amministrazione di Amalfi, non ha fatto mancare la sua numerosa presenza. Guidata dal Sindaco De Luca sarà presente con una cinquantina tra amministratori e dipendenti e il gonfalone dell’antica repubblica.

Hanno dato la loro adesione e partecipazione il signor Prefetto di Salerno, il Questore, i comandanti delle vari armi i Carabinieri, la Guardia di Finanza, il Corpo Forestale dello Stato, la Capitaneria di Porto e molte altre autorità civili e militari dell’intero territorio diocesano, da Positano a Vietri e Cava. Anche il mondo dei mezzi di comunicazione di massa, giornali e Tv si sono mossi e saranno presenti all’incontro con vari corrispondenti che, per l’occasione, useranno, la sala stampa del Vaticano, da dove trasmetteranno i loro servizi giornalistici.

Sarà una vera carovana di persone a mettersi in movimento, guidata da un unico desiderio, quello di incontrare il Santo Padre, di ascoltare la sua parola e di ritornare a casa rinsaldati nella fede dopo aver incontrato “il dolce Cristo in terra”.

Vari saranno i doni consegnati al Santo Padre, la città di Cava offrirà una ceramica artisticamente dipinta con il simbolo del millennio ed una pergamena scritta in latino per invitare il Papa a Cava in occasione delle celebrazioni millenarie della Badia Benedettina.

Il Sindaco Gravagnuolo davanti ad una così grande partecipazione ha sentito il bisogno di ringraziare il mons Soricelli, per la lodevole iniziativa e di esprimere parole di apprezzamento per come l’evento è stato organizzato e realizzato dal responsabile dell’ufficio pellegrinaggi, don Beniamino D’Arco. Il coinvolgimento dell’intera città per un evento così unico e storico fa ben sperare per le prossime celebrazioni millenarie. Cava conferma la sua vocazione di città aperta e sensibile allo spirito religioso che sembra così in crisi in questi ultimi tempi. Il sindaco non ha nascosto la sua emozione nel dover incontrare personalmente il Santo Padre e rivolgergli, ancora una volta, l’invito a visitare la nostra città in occasione del millennio.

Il popolo dell’arcidiocesi e non solo si è messo in cammino grazie al grande lavoro fatto dai parroci, religiosi e religiose che hanno saputo, con il loro entusiasmo coinvolgere tanti fedeli.

Pullman da Cava 55, dalla Costiera 35


 

Clicca sull'immagine per visualizzare le foto del pellegrinaggio

 

 
 
ATTENZIONE: Il sito è sistemato in più frames, clicca qui per ripristinarli!