Stampa questa pagina Beatificazione Giovanni Paolo II
 
Pubblicata in data 29.4.2011

Non abbiate paura

Sarà beatificato il prossimo primo maggio, il servo di Dio, papa Giovanni Paolo II.

Benedetto XVI aveva avviato il processo di beatificazione a poche settimane dalla morte del suo predecessore contravvenendo alle regole canoniche che impongono di aspettare 5 anni dalla morte del candidato. Riconosciuta come miracolo la guarigione della suora malata di Parkinson che aveva pregato Karol Wojtila.

Leggi la tutta la notizia per il programma

30 Aprile - Veglia di preghiera al Circo Massimo

La veglia inizierà alle ore 21.00 e terminerà alle ore 22.30.
Alle ore 20.00 avrà inizio la preparazione.
Sarà organizzata dalla Diocesi di Roma, che ebbe il venerabile Servo di Dio come Vescovo. Presiederà il Cardinale Vicario Agostino Vallini
Il Santo Padre Benedetto XVI si unirà spiritualmente tramite un collegamento video.

1 Maggio - Celebrazione della beatificazione in Piazza san Pietro

La celebrazione avrà inizio alle ore 10.00 e sarà presieduta dal Santo Padre.
La partecipazione non è regolata da singoli biglietti, tuttavia l'accesso alla Piazza e zone adiacenti sarà sotto la tutela della Sicurezza Pubblica.

1 Maggio - Venerazione delle spoglie del nuovo Beato

Subito dopo la cerimonia della beatificazione le spoglie del nuovo Beato saranno esposte per la venerazione nella Basilica di San Pietro, davanti l’Altare della Confessione.
La venerazione proseguirà fino all'esaurimento del flusso dei fedeli.

2 Maggio - Messa di ringraziamento in Piazza San Pietro

La messa avrà inizio alle ore 10.30 e sarà presieduta dal Cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato.

Manifesto

"Beatificazione" è il riconoscimento formale, da parte della Chiesa, dell'ascensione di una persona defunta al Paradiso. Tuttavia però i beati non possono ancora essere considerati formalmente santi. Lo stato di santità viene riconosciuto al termine di un processo più lungo che prende il nome di "canonizzazione".

La Chiesa al termine del processo di canonizzazione afferma che quella persona si trova con certezza in Paradiso e in più, rispetto alla semplice beatificazione, ne permette la venerazione come santo nella chiesa universale. Questo processo richiede in genere molti anni durante i quali devono essere riconosciuti dei miracoli attribuiti all'intercessione della persona oggetto del processo.

La parola "santità" invece indica uno stato di vita ineccepibile dal punto di vista spirituale, ovviamente per il Cristianesimo il modello di riferimento è Gesù Cristo.

 

Questa notizia è stata letta 697 volte

Torna indietro