Stampa questa pagina

Comunicato stampa

Arcidiocesi Amalfi - Cava de' Tirreni

Parrocchia Santa Lucia V. e M.

P.za Felice Baldi, 18 Santa Lucia di Cava de’ Tirreni 84010 (Sa) Tel. Fax. 089/461416

E- mail SANTALUCIA@Tele2.it  sito Internet WWW.SANTALUCIADICAVA.IT

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

In occasione dell’anno sacerdotale, voluto da Benedetto XVI per favorire la santificazione dei sacerdoti, in occasione del 150 anniversario della morte di san Giovanni Maria Vianney, patrono dei sacerdoti, la Comunità Parrocchiale di Santa Lucia, guidata da don Beniamino D’Arco, ha deciso di presentare mensilmente ai fedeli una figura sacerdotale di rilievo  che possa aiutare tutti a riflettere e pregare per i sacerdoti.

Nel mese di novembre la riflessione e l’attenzione della Comunità si è fermata sulla figura di don Pino Puglisi, presbitero palermitano, ucciso dalla mafia il giorno del suo 56° compleanno a motivo del suo costante impegno evangelico e sociale

Padre Giuseppe Puglisi meglio conosciuto come Pino, soprannominato 3P, nasce il 15 settembre 1937 a Brancaccio, quartiere povero di Palermo, da una famiglia modesta (il padre calzolaio, la madre sarta). A 16 anni, nel 1953 entra nel seminario palermitano da dove ne uscirà prete il 2 luglio 1960 ordinato dal cardinale Ernesto Ruffini.

         Dopo varie esperienze pastorali il 29 settembre 1990 viene nominato parroco a San Gaetano, nel quartiere Brancaccio di Palermo, controllato dalla criminalità organizzata attraverso i fratelli Graviano capimafia legati alla famiglia del boss Leoluca Bagarella.

Il 29 gennaio 1993 inaugura a Brancaccio il centro Padre Nostro per la promozione umana e la evangelizzazione. Il 15 settembre 1993, il giorno del suo 56° compleanno viene ucciso dalla mafia, davanti al portone di casa. Il 2 giugno qualcuno mura il portone del centro "Padre Nostro" con dei calcinacci, lasciandone gli attrezzi vicino la porta.

Sulla sua tomba, al Cimitero Monumentale di Palermo sono scolpite le parole del Vangelo di Giovanni "Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici" (Gv 15,13).

Monsignor Paolo Romeo, arcivescovo di Palermo cosi si esprimeva parlando di P. Pino; “don Pino comprese il rapporto strettissimo tra parrocchia e territorio, gli si fa torto quando, con letture prevalentemente socio-politiche, lo si definisce 'il sacerdote antimafia'. Se ognuno facesse qualcosa, come diceva don Pino, si realizzerebbe quello che il Signore vuole da ciascuno di noi”. Monsignor Cuttitta,vescovo ausiliare di Palermo, che di don Puglisi fu uno dei frutti vocazionali, dice di lui: “Padre Puglisi era un sacerdote che ha esercitato il suo ministero nell’annuncio del Vangelo come il santo curato d’Ars, ha amato la sua comunità fino alla morte. In questo Anno Sacerdotale, mi sembra importante fare un accostamento tra il curato d’Ars e il padre”.

Le iniziative programmate dalla parrocchia di Santa Lucia per far conoscere il sacerdote sono:

1) Una mostra fotografica allestita in chiesa per tutto il mese di novembre illustrerà la vita del sacerdote.

         2) La proiezione del film: “Alla luce del sole “ del regista Roberto Faenza per le varie categorie di persone della Comunità. Ultime proiezioni previste per Martedì 17 novembre alle ore 16.30  e per sabato 21 novembre alle ore 16.00, entrambi in chiesa.

3) L’incontro – testimonianza con don Maurizio Francoforte, successore di don Pino nella guida della parrocchia di Brancaccio. Don Maurizio sarà presente a Santa Lucia lunedì 23 novembre per l’intera giornata. Incontrerà la mattina gli alunni delle scuole, il pomeriggio alle 15.30 i sacerdoti della Forania di Cava Est e gli altri della Città. Celebrerà l’eucarestia alle ore 19.00 e incontrerà la Comunità Luciana alle ore 20.00 presso il Centro Pastorale per un incontro testimonianza sulla vita di don Pino.

Queste iniziative, mi auguro che ci aiuteranno a inquadrare in una luce nuova la figura e l’opera di tanti sacerdoti che con la loro vita e le loro scelte cercano di testimoniare il vangelo nella quotidianità.

 

 

                                                                  Don Beniamino D’Arco

 

 

 
ATTENZIONE: Il sito è sistemato in più frames, clicca qui per ripristinarli!